25 Lug 2017
luglio 25, 2017

Ecobonus 2017 Enea

News

L’Enea, l’Agenzia nazionale per l’efficienza energetica, ha pubblicato un utile e sintetico vademecum con tutte le informazioni sul bonus energia. Bisogna ricordare infatti che la legge di Stabilità 2017 ha prorogato anche per quest’anno la detrazione del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici.

La Legge di Bilancio 2017 ha confermato la proroga delle detrazioni fiscali del 65% per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici, per le spese sostenute entro il 31 dicembre 2017.

Per gli interventi di riqualificazione energetica realizzati nelle parti comuni degli edifici condominiali è previsto un incremento dell’aliquota di detrazione al 70% per interventi che interessino almeno il 25% dell’involucro edilizio e al 75% per interventi volti al miglioramento della prestazione energetica invernale ed estiva e che conseguano la “qualità media” dell’involucro. In tal caso gli incentivi saranno validi per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2021.

Le finestre per il risparmio energetico permettono di ridurre il dispendio di energia domestico in maniera davvero considerevole, oltre a migliorare di conseguenza l’impatto sull’ambiente della nostra casa. Per ridurre la dispersione di calore, gli elementi che formano l’involucro di un edificio dovrebbero avere un basso valore di trasmittanza termica. Così anche i serramenti.
Quando si sostituisce una finestra o una portafinestra, quindi, che sia di metallo, legno, pvc o in diversi materiali abbinati, è perciò importante considerare il valore della trasmittanza termica (Uw) della nuova. La relativa unità di misura è W/m² K e quantifica appunto il livello d’isolamento della finestra. Un buon isolamento si raggiunge con un valore di trasmittanza termica di circa Uw 1,3 W/m²k; intorno allo 0,8 W/m²K il valore è addirittura ottimale. La trasmittanza termica di tutta la finestra deriva dalla somma di quella del vetro (Ug) e di quella dei profili (Uf): a questo valore concorrono, per esempio, lo spessore dei vetri, il numero di camere e il tipo di telaio. Gli infissi vengono anche testati per quanto riguarda la tenuta alle intemperie; in questo caso si parla di permeabilità all’aria e di resistenza al carico del vento.